.
Annunci online

 
stella-marina 
Il mio mare, blu in ogni stagione
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 
  cerca



 

Diario | Detto da altri | Ricordi | Anniversari | Idee | Per te | Persone speciali | Luoghi incantati | Tele-visioni | Leggendo | A spasso | Si può fare | Ciak, si gira... |
 
Diario
1visite.

28 ottobre 2007

Al mio papi



E’ stato un regalo inaspettato, ma molto gradito perché so che me lo hai fatto con il cuore. Ma, lo so, tu sei il mio papi del cuore... noi ci siamo scelti, non ci siamo trovati per caso...
Non mi hai dato la vita, ma mi ha insegnato a respirare, a vedere le cose del mondo, a capire, a comprendere, ad amare... ad essere quella che sono...
Ci sei stato quando avevo bisogno di te e ci sei ora, con discrezione, a modo tuo...
So che sono importante per te e questo è importante per me...
Ti voglio bene, ma tanto tanto... :-)

10 ottobre 2007

Vita con te

Da te a me




Da me a te

Se tu mi dimentichi  Pablo Neruda

Voglio che tu sappia
una cosa.
Tu sai com’è questa cosa:
se guardo
la luna di cristallo, il ramo rosso
del lento autunno alla mia finestra,
se tocco
vicino al fuoco
l’impalpabile cenere
o il rugoso corpo della legna,
tutto mi conduce a te,
come se cio’ che esiste
aromi, luce, metalli,
fossero piccole navi che vanno
verso le tue isole che m’attendono.

Orbene,
se a poco a poco cessi di amarmi
cesserò d’amarti poco a poco.
“ Se d’improvviso
mi dimentichi,
non cercarmi,
chè già ti avrò dimenticata “

Se consideri lungo e pazzo
il vento di bandiere
che passa per la mia vita
e ti decidi
a lasciarmi sulla riva
del cuore in cui ho le radici,
pensa
che in quel giorno,
in quell’ora,
leverò in alto le braccia
e le mie radici usciranno
a cercare altra terra.

Ma
se ogni giorno,
ogni ora
senti che a me sei destinata
con dolcezza implacabile.
Se ogni giorno sale
alle tue labbra un fiore a cercarmi,
ahi, amor mio, ahi mia,
in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne né si dimentica,
il mio amore si nutre del tuo amore, amata,
e finchè tu vivrai starà tra le tue braccia
senza uscire dalle mie.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. aspettando amore luigi vita con te

permalink | inviato da stella-marina il 10/10/2007 alle 20:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa

5 ottobre 2007

Quando Coliandro ballava...

Si sa, ho una passione per l’ispettore Coliandro, che in tivvù ha la faccia e soprattutto il fisico di Giampaolo Morelli. Visto che ho superato l’età per innamorarmi dei divi, George è l’eccezione che conferma la regola, a me Morelli piace perché per me lui é Coliandro. Diciamo che vederlo che fa il finanziere mi fa quasi ridere…

Però c’è un film di qualche anno fa Dillo con parole mie, un Luchetti in fase leggera, ma ispirata, dove Coliandro interpreta un personaggio simpaticissimo… E’ la storia del rapporto tra una zia e una nipote in vacanza a Ios, lui fa torte con un ingrediente segreto e… no, il seguito non ve lo dico… il film è carinissimo e merita di essere visto.

Il personaggio di Morelli rimane un po’ sullo sfondo, ma alla fine c’è una scena che è uno spasso e che, secondo me, piacerebbe anche a Coliandro, quello vero...
Fumo blu, fumo blu... http://www.youtube.com/watch?v=IULGIEonK5c


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. aspettando coliandro

permalink | inviato da stella-marina il 5/10/2007 alle 20:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

3 ottobre 2007

Casa P....e

Interno, mattina presto, appena svegli…

Io: Amore, stavo sognando che ero una poliziotta infiltrata in una cosca della ‘ndrangheta, mi avevano scoperto e avevo una pistola puntata alla testa.. poi c’era il mio capo, che assomigliava a Coliandro, ma non era lui, con il quale io avevo una storia, che stava venendo a salvarmi…
Lui: Regolare, so’ i peperoni de ieri sera…
Io: …

Interno, sera, guardando la televisione…

Lui: Non ce la faranno mai a salvarlo, il rifugio è troppo lontano...guarda, prendono l’elicottero...
Io: Ma non ce la faranno lo stesso, l’elicottero mica vola…
Lui: …

Forse, la sera, è meglio spegnere presto la tivvù… J


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. aspettando vita con te

permalink | inviato da stella-marina il 3/10/2007 alle 14:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa

6 settembre 2007

Una ragazza d'altri tempi

Dora abita in un piccolo paese abruzzese, un borgo delizioso tra freschi boschi e dolci colline. D’estate le persone che ci vengono in villeggiatura sono tante, anche se non tutti possono permettersi un soggiorno nel borgo perché gli artisti lo hanno scoperto e il luogo è diventato esclusivo. D’estate però, mentre in inverno gli abitanti diminuiscono e bisogna familiarizzare con la solitudine perché al paese rimangono solo persone anziane e qualche giovane che deve affrontare la neve per andare al lavoro, lontano da qui.
E proprio della solitudine si rammarica Dora, che ha ottant’anni, un viso dolcissimo e il sorriso da ragazza d’altri tempi. Mi ha raccontato che i suoi vicini, tutti più grandi di lei, hanno le badanti, invece lei è ancora agibile, parole sue, e poi ha suo figlio sposato che vive in paese e può darle una mano in caso di bisogno. Mi ha parlato di sua sorella suora che stava con lei e che adesso non c’è più e mi ha fatto vedere la foto.
Ho conosciuto Dora mentre lavorava a tombolo sulla porta della sua semplice casa perchè volevo vedere la magia di quelle mani che con movimenti veloci ed armoniosi riescono a trasformare un sottile filo in meraviglie di merletto. Mi sono seduta sulle scale vicino a lei e abbiamo cominciato a parlare, come si parla con le persone anziane del tuo paese quando torni d’estate. Mi ha detto che le piaceva il mio sorriso, che a lei piacciono le persone giovani e contente perché mettono allegria. Adesso un pezzetto di Dora è a casa mia. Sono due piccole stelline di tombolo, due cristalli perfetti che mi ricorderanno sempre i suoi occhi sereni e il suo dolce sorriso.

3 settembre 2007

Aspettando...

E’ difficile concentrarsi quando devi fare costantemente attenzione ad un display dove i numeri appaiono in modo del tutto casuale. Peggio ancora quando non devi pagare una bolletta, ma fare una visita di controllo. Le definizioni scritte sulle slides che avevo tra le mani erano solo segni a cui mi era difficile attribuire un significato.
Ma improvvisamente ho sentito che c’era qualcosa vicino le mie ginocchia. Ho spostato i fogli e così mi sono persa nell’intenso azzurro dei suoi occhi. Mi guardava e rideva. E io mostro scarsa resistenza al sorriso di un uomo, soprattutto quando ha undici mesi e un nome che per me ha un’importanza speciale.
Voleva la mia mano per darmi il cinque. Mentre il nonno gentilmente mi spiegava quello che per Alessandro è un gioco, i nostri sguardi non si sono staccati un momento. Mi ha fatto capire come dovevo fare mostrandomelo con la sua piccola mano, continuando a sorridermi.
Dopo un po’ avevo capito il gioco e lui ha voluto farmi vedere altro. E così, con l’equilibrio precario che si ha quando si deve bilanciare un pannolone, mi ha mostrato i suoi instabili passetti nello spazio tra me e suo nonno il quale, stupito, mi ha confessato che era la prima volta che lo vedeva in piedi da solo…

sfoglia
settembre        dicembre